Lavoro
Altri documenti di questo contratto
 
Economico 2° biennio (14/12/2006)
 
Accordo di rinnovo (14/12/2004)
 
Accordo di rinnovo (14/12/2004)
 
Economico 2° biennio (20/12/2003)
 
Verbale integrativo (10/10/2001)
 
Verbale integrativo (4/4/2001)
 
Verbale integrativo (8/2/2001)
 
Verbale integrativo (25/1/2001)
 
Accordo di rinnovo (27/11/2000)
 
Accordo di rinnovo (25/7/1997)
 
Verbale integrativo (6/5/1996)
 
Verbale integrativo (28/3/1996)
 
Accordo di rinnovo (11/4/1995)
 
Accordo di rinnovo (13/12/1994)
 
Accordo di rinnovo (7/2/1991)
 
Accordo di rinnovo (28/7/1989)
 
Accordo di rinnovo (27/2/1987)
 
Accordo di rinnovo (3/7/1986)
 
Accordo di rinnovo (20/6/1986)
 
Accordo di rinnovo (12/7/1985)
 
Testo definitivo (23/7/1976)
 
TUTTI I CONTRATTI
 

ACQUISTA UNA COPIA DEI DOCUMENTI RELATIVI A QUESTO CONTRATTO
 
LE FONTI DI QUESTA SEZIONE
 
Avvocato
Commercialista
Notaio
SETTORE: TRASPORTI
CONTRATTO: AUTOFERROTRANVIERI
ACCORDO DI RINNOVO (14/12/2004) - Pagina 24 di 32

DATA STIPULA: 14/12/2004
DATA DECORRENZA: 18/11/2004
DATA SCADENZA: 31/12/2007


PAGINA PRECEDENTE Pagina 24 di 32 PAGINA SUCCESSIVA



G)- LAVORO RIPARTITO

Le parti, considerate le specificità del settore, concordano che
l'istituto del "lavoro ripartito" potrà essere utilizzato dalle
aziende su base volontaria, a domanda dei lavoratori a tempo
indeterminato interessati e, comunque, entro il 2% dei lavoratori
a temo indeterminato. fatto salvo il numero minimo di quattro
contratti.



Art. 2/A - PERCENTUALI DI UTILIZZO

Fatte salve le tipologie contrattuali di cui alle lettere C) e D)
(apprendistato ed inserimento) le percentuali di utilizzo delle
forme contrattuali a tempo determinato nonché dei contratti part-
time a tempo indeterminato:

a) nelle aziende fino a 50 dipendenti, entro la misura massima
del 35% dei lavoratori a tempo indeterminato in forza all'atto
dell'assunzione, con un minimo di almeno 5 unità attivabili;

b) nelle aziende con più di 50 e fino a 500 dipendenti, entro la
misura massima del 25% dei lavoratori assunti a tempo
indeterminato in forza all'atto dell'assunzione e, in ogni caso,
in misura non inferiore a quella consentita alle aziende fino a 50
dipendenti;

c) nelle aziende con più di 500 dipendenti, entro la misura
massima del 20% dei lavoratori a tempo indeterminato in forza
all'atto dell'assunzione e, in ogni caso, in misura non inferiore
a quella consentita nelle aziende fino a 500 dipendenti.

Se dall'applicazione delle predette percentuali risultassero
frazioni di unità, il numero degli assumendi è elevato all'unità
superiore.

Tali limitazioni non trovano applicazione per i contratti a tempo
determinato individuati dall'art. 10, commi 7 ed 8 del D.Lgs. 6
settembre 2001, n. 368.

Sono esclusi dalle percentuali predette i contratti part-time la
cui trasformazione sia stata determinata da richiesta del
lavoratore. Rientrano invece nelle percentuali predette i
contratti part-time verticali (a tempo determinato ed
indeterminato) la cui prestazione sia compresa fra il 35% ed il
50% della durata media dell'orario di lavoro normale contrattuale,
i quali sono attivabili nel limite del 3% con arrotondamento
PAGINA PRECEDENTEPagina 24 di 32PAGINA SUCCESSIVA